Hackathon Liguria 2018

"Due studenti del Gastaldi-Abba, Valentina Cherubini e Andrea Stucchi, vincono l'edizione del CIVIC HACK del 1° Hackathon Liguria 2018 nell'unica tappa di #Futura Italia, in Liguria, un tuffo di tre giorni nella scuola di domani"


(Tutti gli eventi in programma si potranno seguire e raccontare sui social con gli hashtag #FuturaItalia e #FuturaRapallo)

hackathon Rapallo 01

Si è ormai conclusa l'unica tappa di #FuturaItalia in Liguria e dell'iniziativa nazionale "Il futuro sottosopra" (Rapallo, 30 settembre-2 ottobre 2018), in concomitanza con "CIVIC HACK", (promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) - il primo hackathon civico delle scuole liguri interamente dedicato alle sfide sul futuro del territorio ligure.

VALENTINA CHERUBINI: 4A Informatica
per la Categoria: "the BEST HACK" = miglior studente/studentessa per essersi distinta durante le varie fasi di progettazione e gestione del lavoro di gruppo

ANDREA STUCCHI : 4A Informatica
in qualità di membro del gruppo che ha presentato il progetto "FARMA.MI" per migliorare il processo/relazione:
"paziente anziano - farmacia - medico - consegna farmaci".
Il progetto dopo aver superato una prima selezione si è poi qualificato come vincitore del Civic Hack Liguria totalizzando il 41% dei voti.

Accompagnati dalla Prof.ssa Annunziata Bianchi orgogliosa e commossa per la vittoria dei suoi studenti.


Video ufficiale: https://vimeo.com/292991565


Il Futuro Sottosopra, è la tappa ligure di #FuturaItalia, il tour in venticinque tappe creato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca per fare il punto sulle trasformazioni che interessano l'istruzione e valorizzare le buone pratiche didattiche in chiave innovativa. Dodici tappe hanno preceduto #FuturaRapallo, e dodici la seguiranno.
Il Futuro Sottosopra è il titolo scelto per la tappa ligure che ha proposto percorsi ed esperienze per superare i limiti e rovesciare i rapporti tra territorio, conoscenza e tecnologie.
Ogni territorio nel quale #Futura si ferma caratterizza l'evento su un proprio tema di riferimento. Per la Liguria il tema è "Fragilità e Resilienza". Un argomento che, dopo il crollo del ponte Morandi, risulta ancora più pertinente. Nel corso della tre giorni sono state affrontate non solo la fragilità ambientale, quella umana, fisica e psicologica, ma soprattutto l'importanza di costruire solide connessioni sia reali che virtuali, sviluppando la capacità di affrontare e superare difficoltà e limiti.
La manifestazione si è tenuta a Rapallo dal 30 settembre al 2 ottobre, distribuita su otto diversi luoghi, tra cui il Castello, l'Auditorium delle Clarisse e il Liceo "Da Vigo". L'istituto di Istruzione Superiore "Fortunio Liceti" di Rapallo è stato individuato dal MIUR per l'organizzazione locale.
Ognuno di questi eventi è costituito da tre giorni di dibattiti e testimonianze sulla Scuola Digitale, iniziative formative, confronti, hackathon (maratona digitale), concorsi, momenti ricreativi e spettacoli dedicati a un pubblico di studenti, insegnanti e cittadini interessati.
Questi temi sono stati affrontati con seminari, tavole rotonde, laboratori didattici per insegnanti e studenti, dimostrazioni tecnologiche e performance artistiche.
Non è mancata un po' di competizione attraverso il Premio Scuola Digitale, dedicato alle scuole che propongono innovazione, e attraverso la maratona civica regionale Civic Hack Liguria, una straordinaria occasione di confronto e crescita per giovani studenti e studentesse. È stata prevista anche la testimonianza dei Millennials, giovani di successo che hanno saputo scommettere sul proprio futuro, e la presenza di WoMEST, un laboratorio in cui quaranta ragazze di Rapallo hanno ideato processi innovativi per affrontare la società di domani.
Centinaia tra i migliori studenti della Liguria a Rapallo; consapevoli della loro preparazione; fieri, con il loro accredito al collo, di essere stati selezionati per partecipare ed essere protagonisti dell'unica tappa ligure di un evento nazionale che guarda alla scuola di domani.

I due temi che dovevano sviluppare i ragazzi attraverso le nuove tecnologie sono:
1. "La Liguria ha la popolazione più anziana d'Italia e d'Europa, cosa si può fare per migliorare i servizi";
2. "La Liguria ha problemi di circolazione, come si può sfruttare la via del mare".

Il CIVIC HACK è una vera e propria maratona progettuale durante la quale studentesse e studenti, provenienti dalle Istituzioni scolastiche (17 scuole superiori) del secondo ciclo della Regione Liguria, con l'aiuto di mentori, esperti e ricercatori, hanno lavorato insieme con l'obiettivo di contribuire a progettare soluzioni innovative per superare le fragilità dei territori, provando a "rovesciare" i rapporti e creando nuove connessioni di sostenibilità nella Regione Liguria.
Come anticipato il CIVIC HACK è parte integrante dell'iniziativa nazionale "Il futuro sottosopra", uno dei 24 appuntamenti nazionali di #FuturaItalia, promossi dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nel 2018, dedicati alla Scuola digitale.
"Il futuro sottosopra" è stata un'occasione unica per raccontare la Scuola digitale e le sue buone pratiche in chiave innovativa, rappresentando al contempo i simboli che caratterizzano e rafforzano l'identità del territorio.
"Il futuro sottosopra" si è articolato in workshop, laboratori didattici, proiezioni, "vetrine tecnologiche", musica e arte digitale, con la partecipazione, a tutti i livelli, di rappresentanti delle istituzioni, della società civile, dell'associazionismo.

L'HACKATHON

L'hackathon è una competizione di durata variabile che, a partire da una tema principale, propone delle sfide ai suoi partecipanti, i quali, organizzati in gruppi eterogenei, hanno il compito di affrontarle, ricercando e progettando nuove soluzioni, modelli, processi o servizi innovativi. Gli hackathon civici, come Civic Hack Liguria, sono costruiti intorno a sfide, problemi e opportunità di sviluppo a livello urbano e/o territoriale.
Per tutte le studentesse e studenti è stata un'esperienza di grande valore perché avranno l'opportunità di apprendere strumenti e metodologie innovative di co-progettazione, di condividere la loro visione di società e di futuro lavorando in gruppi di lavoro eterogenei, sia per provenienza che per indirizzo scolastico, di esporre al termine della due giorni le proprie idee e soluzioni dinanzi ad esperti ed esponenti del mondo delle Istituzioni, dell'Università, delle organizzazioni internazionali e dell'associazionismo.
Una Commissione di esperti ha proclamato i vincitori. Alla squadra vincitrice dell'hackathon, sarà data la possibilità, attraverso la partecipazione ad altre esperienze formative e laboratoriali, di acquisire nuove conoscenze e competenze partecipando ad altre iniziative di livello nazionale ed internazionale

hackathon 02hackathon 03hackathon 04hackathon 05hackathon 06hackathon 07hackathon 08

 


Dalla stampa:

L'IDEA VINCENTE A RAPALLO (S.PED)
Medicine con i droni a casa: #Futura premia studente del Marconi.

Ci sono Lorenzo Bagatin della scuola di ragioneria Boselli
I medicinali? Verranno consegnati a domicilio attraverso i droni. Per limitare così gli spostamenti fra la casa e la farmacia, soprattutto per quanto riguarda gli anziani. Si chiama "FARMA.MI" ed è l'idea che ha vinto la tappa ligure - a Rapallo-di #Futura.

E nel gruppo dei vincitori c'è uno studente del Levante: Elia Ratti del liceo scientifico Marconi di Chiavari. Con lui, nel team risultato vincente, ci sono Lorenzo Bagatin della scuola di ragioneria Boselli- Alberti di Savona; Giovanni Briozzo del liceo classico San Giuseppe Calasanzio di Carcare; Chiara Caffaz del liceo scientifico Cassini di Genova; Gioele Christille del liceo scientifico Giordano Bruno di Albenga; Megan Kadriu del liceo scientifico Convitto Colombo di Genova; Cristina Macrì della scuola di ragioneria Vittorio Emanuele II - Ruffini di Genova; Andrea Stucchi dell'Istituto informatico Gastaldi-Abba di Genova; Chiara Teroni del liceo scienze umane Les Pertini di Genova.

All'hackathon - la maratona di idee, con progetti che vengono sviluppati e presentati, in questo caso dai ragazzi - a Rapallo hanno preso parte 101 studenti della Liguria, divisi in 12 gruppi. Due i temi delle sfide: anziani e mobilità. Nella palestra del liceo Da Vigo di Rapallo, seduti attorno a tavoli circolari, fra computer, post it, pennarelli e fogli i ragazzi hanno sviluppato le loro proposte. Confrontandosi. Facendo maturare un progetto. E presentandolo pubblicamente, alla fine.
"FARMA.MI" ha vinto e convinto. Cosa c'è in premio per i ragazzi? La partecipazione alla super sfida finale che ci sarà alla fine di #Futura fra tutte le squadre che si sono aggiudicate le 25 tappe d'Italia.

#Futura è l'iniziativa del Miur per parlare di scuola digitale e far confrontare studenti e docenti. In Liguria, la tre giorni si è appena conclusa a Rapallo, grazie all'organizzazione del Liceti. Fra conferenze, incontri, un tema chiave "Fragilità e resilienza", "bolle" trasparenti con robotica e innovazioni, dibattiti fra i docenti, lavori assieme degli studenti. "Tutto è andato per il meglio", commenta il professor Giovanni Dodero, colonna del Liceti che ha ottenuto, nei mesi scorsi, la candidatura del Miur, accettandola e coinvolgendo tutta Rapallo in una tre giorni con la scuola al centro. Rapallo aveva preso il testimone da Macerata, l'ha passato ad Avellino, dove ora è in corso la nuova tappa di #Futura. (S. Ped.)