Metodo di studio

studente perplessoCi sono studenti "bravi", interessati a tutto quello che si fa a scuola, convinti che sia meglio sapere tante cose, che stanno attenti in classe e studiano anche a casa. Questi imparano comunque. Ci sono altri studenti che sono qui "per caso" o perchè uno zio aveva fatto questa scuola o perchè un diploma qualunque potrebbe servire. Questi in genere soffrono e dovrebbero trovare un'altra strada.

Poi ci sono gli studenti normali, interessati a qualche materia, disposti a stare a sentire gli insegnanti, disposti anche a studiare un po' ma non troppo, il loro obiettivo è la sufficienza. Questi studenti normali a volte sono disorganizzati, si dimenticano il libro o la penna o le scadenze; a volte cominciano a studiare troppo tardi quando i problemi si sono accumulati, a volte pensano che studiare sia leggere qualche pagina di un libro.

Per alcuni insegnanti certi studenti non hanno voglia di studiare. Altri parlano di motivazione allo studio, argomento complicato anche se fondamentale che tocca aspetti psicologici e familiari dello studente. Altri parlano di metodo di studio (a volte dicendo che gli studenti non hanno metodo).

Il metodo di studio è un insieme di tecniche che servono a ottenere di più dalla fatica e dal tempo impiegati per studiare.

Si potrebbe dire "faticare di meno per ottenere gli stessi risultati" oppure "fare la stessa fatica e ottenere risultati migliori" e perchè no? "fare un po' più fatica ma ottenere soddisfazioni e risultati eccellenti".

In campo tecnico tutti i progettisti si pongono il problema di innalzare il rendimento cioè il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende. Anche nello studio si può innalzare il rendimento, e sono migliaia di anni che gli studiosi si pongono questo problema e propongono delle soluzioni. Molti studenti normali non hanno mai sentito parlare di queste cose.

Sarebbe bello non avere l'ansia durante le verifiche? Sarebbe bello ricordarsi le cose studiate o sentite qualche settimana prima? Sarebbe bello uscire da scuola senza avere la sensazione di aver perduto delle ore? Sarebbe bello essere uno/a "che ci acchiappa"? Sarebbe bello prendere un voto più alto di tutti gli altri? Sarebbe bello accorgersi che nella vita di tutti i giorni servono le cose studiate? Sarebbe bello che la scuola non fosse mai un problema in famiglia? ...

Per esempio, prendere appunti, molti studenti dicono: se prendo appunti non riesco a seguire ma se non prendo appunti poi mi dimentico quello che avevo capito. Ci sarà qualcuno che avrà avuto lo stesso problema? Ci sarà qualcuno che è uscito da questo vicolo cieco? Forse si, e forse tra le tante soluzioni ce ne sarà qualcuna adatta a noi, addatta alla nostra testa e al nostro modo di essere, qualcuna non ci andrà bene perchè non siamo tutti uguali, c'è chi ricorda meglio le immagini, c'è chi deve ripetere a voce alta, chi studia meglio da solo e chi in compagnia... 

Chi insegna il metodo di studio? Molti insegnanti lo fanno, richiedono certi oggetti, certi compiti, certe abitudini e non sempre sono ascoltati. Ci sono dei libri, ci sono dei corsi e qui alcuni studenti pensano: non si può studiare quest'altra materia che si chiama metodo di studio, ne abbiamo già abbastanza! Ma se servisse ad aumentare il rendimento?

Chi è interessato può leggere qualche lezione da un testo che si trova liberamente in rete all'indirizzo www.vivereremeglio.it o meglio, più che leggere bisogna provare, ogni lezione spiega un po' di cose e propone degli esercizi da fare, se non si prova a farli con un po' di pazienza e perseveranza all'inizio non si vedono i risultati. Molti studenti ne hanno tratto vantaggio. Molti hanno capito che non erano stupidi ma che nessuno gli aveva mai detto che si può imparare a studiare, e quando si è imparato a studiare si può studiare di tutto, e a volte lo studio diventa anche piacevole.

 

Collegamento alla pagina di Link a siti relativi al metodo di studio


Filtra la lista dei files:  
Nome icon Dim. icon Modifica icon
icon metodo_6r_per_prendere_appunti.pdf 210 KB18/12/2011
icon corso_metodo_di_studio_Rizzi.pdf 238 KB05/11/2011
 icon